Lotta e prevenzione all'uso delle Sostanze Stupefacenti

Una società ai tempi della crisi è una società a rischio, e uno dei rischi principali è quello della dipendenza, sia essa da droga, alcol, gioco d’azzardo o fumo. Il livello della qualità della salute psico-fisica di una persona nel suo insieme, si misura anche da quanto abbia bisogno di ricorrere a qualcosa di altro da sé per abbassare il livello di coscienza, per questo il dato riguardo all’età dei giovani che assumono droghe abitualmente, che negli ultimi anni si è notevolmente abbassato, impone un’attenta riflessione. L’adolescenza è un’età di passaggio, caratterizzata da grandi cambiamenti, ricca di nuove scoperte, ma al tempo stesso può essere un periodo carico di tensioni, proprie dei decisivi momenti di svolta, dove talvolta il desiderio di scoprire nuove sensazioni porta all’utilizzo di sostanze stupefacenti. Gli ultimi dati indicano che il primo uso di sostanze, in media, avviene già intorno a 14 anni e questo determina un maggiore aumento della pericolosità degli effetti e dell’abuso. Purtroppo, la percezione dei rischi e dei danni derivanti dall’uso precoce di sostanze stupefacenti viene troppo spesso sottovalutata dai giovani, soprattutto in un contesto come quello dei nostri giorni, dove la produzione di droghe sintetiche è cresciuta in modo significativo, e da cui ne consegue il continuo crescere dei decessi e dei ricoveri legati al consumo di sostanze stupefacenti.

I dati scientifici, inoltre, evidenziano come il fenomeno dell’uso di sostanze stupefacenti e abuso di alcol sia in crescita, soprattutto il poliabuso, ossia l’assunzione di più sostanze e alcol nella stessa serata, sta diventando una pratica sempre più diffusa tra i ragazzi sotto i 16 anni.

Una prevenzione efficace si può affrontare nelle scuole attraverso eventi rivolti ai ragazzi e alle figure educative, dove esperti del settore possono dare informazioni in merito ai segnali che potrebbero evidenziare una propensione all’uso e abuso delle sostanze e sulle conseguenze di tali comportamenti.

Il Vice Questore Dottor Roberto Sbenaglia, Dirigente del Commissariato di San Giovanni, ogni giorno con i suoi uomini coordina interventi operativi mirati al contrasto allo spaccio delle droghe nella nostra città. Dall’alto della sua esperienza, il Dottor Roberto Sbenaglia terrà una lezione a tutti gli studenti dell’Educandato Statale di SS. Annunziata come azione di prevenzione contro l’uso delle sostanze stupefacenti per la tutela della salute. I dati più recenti del SerD (servizio dipendenze), segnalano un trend costante in aumento di persone in cura presso i propri ambulatori a Firenze (+14% in due anni), per questo l’intervento del Dottor Roberto Sbenaglia è quanto mai opportuno e da seguire con attenzione.